Category Archives: Sportello informativo

Pala di ficodindia, preziosi elementi salutistici

Pala di ficodindia, preziosi elementi salutistici

Proprietà e indicazioni della pala di ficodindia o Nopal, da utilizzare dopo consulto medico.

La parte di pianta contenente i principi attivi officinali, è costituita dalla polpa gelatinosa contenuta nelle pale.

La pala di ficodindia è una fonte di fibre insolubili e solubili, mucillagini, pectina, vitamine A e C, vitamine del gruppo B, aminoacidi, e numerosi minerali fra cui calcio, magnesio, ferro, potassio.

olio essenziale di bergamotto

olio essenziale di bergamotto

Olio essenziale di bergamotto.
Quando si parla di chilometro zero, il primo pensiero è rivolto al prodotto agricolo, frutta, verdura…. ma ci sono anche i derivati. Mai come il bergamotto, che fa parte del territorio da cui pubblichiamo, la Calabria, nessun prodotto è più soggetto a sofisticazioni. Il bergamotto, ma in questo caso l’olio essenziale di bergamotto, se guardate in giro per internet o nei negozi lo trovate come prodotto abbastanza diffuso, troppo forse per l’esigua produzione che la Calabria offre. Tutti i prodotti in vendita sono di terzo o quarto passaggio commerciale. Se desiderate avere un olio essenziale puro, acquistate in Calabria, adesso con gli acquisti in internet è facile, non necessita spostarsi di centinaia di chilometri.

polline di api

polline di api

Il polline di api, viene raccolto dalle stesse api quando sono alla ricerca di nettare dei fiori, il polline si attacca alle zampette e rilasciato all’ingresso delle arnie. Il polline di api ha moltissime caratteristiche nutraceutiche e salutari, riesce perfino a far dimagrire. particolarmente richiesto da chi come concetto di vita vuole alimentarsi al naturale.

infuso di foglie di olivo

infuso di foglie di olivo

Infuso di foglie di olivo a chilometro zero.

La Bioverde commercializza a chilometro zero un infuso di foglie di olivo in bottiglia di vetro da litri uno, un prodotto assolutamente naturale acquistabile sul sito www.bioverde.it

ristorante_chilometro_zero

Ristorante Chilometro Zero

Identifica il tuo ristorante a Chilometro Zero.

Dalla ristorazione una svolta strategica alla salvaguardia delle risorse, al consumo etico. Gli operatori del settore guidano l’innovazione green, il concetto di economia sostenibile e l’ideazione di nuovi format da proporre a clienti sempre più attenti ed esigenti.

L’Italia non è mai stata tra gli artefici di nessun tema “eco”, nel nostro paese paradossalmente è stata recente recessione a far crescere l’interesse. I motivi sono stati il risparmio energetico, la comprensione di vantaggio gestionale e la crescente richiesta di prodotti di qualità, lontana da OGM e simili. Negli ultimi anni sempre più italiani hanno preso l’abitudine di acquistare e consumare prodotti a Chilometro Zero.

Quindi, “sostenibilità” sempre più ricercata. Frutta, verdura, carne, pesce, formaggi, i prodotti a Chilometro Zero oltre ad essere più genuini e sicuri, dal momento che se ne conosce la zona di origine, rappresentano anche una scelta etica. La locuzione “Chilometro Zero” sta ad indicare il fatto che l’alimento, dal momento in cui è stato prodotto, per arrivare dal luogo di produzione a quello di vendita, trasformazione e consumo ha percorso il minor numero di chilometri possibile.

Sempre più ristoranti stanno adottando la filosofia del Chilometro Zero, proponendo ai loro clienti prodotti locali e sempre freschi, il cliente percepisce chiaramente la necessità del prodotto locale e genuino.

Il nostro Ente mette in campo Mario, il tartarughino, emblema di un ristorante a Chilometro Zero, una certificazione che adottata accresce l’immagine non solo ecologica!

orto a chilometro zero

Orto a Chilometro Zero

Orto a Chilometro Zero.

La riscoperta dell’agricoltura tradizionale e la passione per i prodotti genuini, coltivati in loco, stanno coinvolgendo tutto il globo. Non è un mistero che siano sempre di più gli aspiranti imprenditori che vedono nell’orto a Chilometro Zero la possibilità di ottenere un buon reddito. Sono infatti, in vistoso aumento i consumatori che vorrebbero ricevere con un semplice click verdura fresca di stagione direttamente a casa propria o passare una giornata diversa e “fare spese” nei campi, portando da casa i contenitori eco-sostenibili in cui stipare tante varietà di ortaggi freschi.

Per rispondere a questa domanda sempre crescente è possibile avviare un’attività che, pur nella tradizione, risulta innovativa, e trasformare il proprio terreno nel luogo di punta di una filiera corta del mercato locale. Gli investimenti per l’avvio di questa attività possono non essere elevati e l’appezzamento di terreno iniziale può anche essere di piccole dimensioni. Con il tempo, con l’acquisizione di nuove tecniche e di una maggiore dimestichezza, si potrà aumentare la produzione, avendo nel frattempo testato le preferenze del mercato locale. Si potrà scegliere inoltre di integrare all’orto a chilometro zero un piccolo laboratorio per la trasformazione così da offrire, in ogni stagione, conserve di ortaggi, verdure essiccate e tanti altri prodotti, vendibili ad un mercato potenzialmente nazionale grazie alla e-commerce. Il sapore della tradizione e un’idea d’impresa ecologica e salutista, in una chiave molto moderna, sono gli ingredienti che fanno dell’Orto a Chilometro Zero un business innovativo e potenzialmente di successo.

Progettare al meglio la gestione di  un orto a chilometro zero info@asmedia.it

Filiera corta

Chilometro Zero

Chilometro Zero, storia di consumo quotidiano:
Gianni e Donatella, proprietari del ristorante “Il fagiano”, hanno appena completato l’accordo con i produttori locali per la fornitura di prodotti agroalimentari per la propria attività.

“Frutta e verdura, ma anche carni di produzione locale hanno sempre un sapore di gran lunga superiore rispetto a quelli che hanno viaggiato per migliaia di chilometri, ed è per questo siamo lieti di essere in grado di fornire nella nostra cucina prodotti naturali e freschi, ​​ma non è solo una questione di metri di distanza, è di identità e tipicità.”

La decisione di portare avanti il ​​progetto è stata presa in seguito al lancio del progetto di ristorazione lo scorso luglio. FILIERA CORTA, QUALITA’ GARANTITA promosso da Chilometro Zero.net

Donatella ha aggiunto: “Siamo molto lieti infatti di essere stati in grado di acquistare dalle terra qui intorno, sono entusiasta di alimentare un mercato locale che porta necessariamente a migliorare la nostra offerta in ristorante, siamo certificati Chilometro zero da qualche anno ed i clienti ne apprezzano l’impegno e la nostra cucina”.

Una buona iniziativa, anche commerciale oltre che salutista quella di Gianni e Donatella, facilmente replicabile in ogni zona del nostro bel paese. Sono sempre in aumento le persone che apprezzano impegno e tematiche legate al concetto Chilometro Zero.